The Offspring

    Storica pietra miliare dell’hardcore melodico di stampo californiano, i The Offspring nascono nel 1986 dalle ceneri dei Manic Subsidal, band formatasi nel 1984 da un’idea del frontman Dexter Holland e del bassista Greg Kriesel, ispirata al punk rock dei Social Distortion. Nel 1989, dopo mesi di prove nei box e nelle cantine dei propri genitori, ottengono un contratto con l’etichetta indipendente Nemesis/Cargo e pubblicano l’omonimo album di debutto, “The Offspring”. Forti del discreto successo ottenuto con questo primo disco e dei sempre più numerosi concerti, nel 1992 attirano l’attenzione dell’etichetta discografica fondata dal chitarrista dei Bad Religion, Brett Gurewitz, la Epitaph Records, ed è sotto questa importante etichetta americana che pubblicano il loro secondo album dal titolo Ignition. Gli anni seguenti vedono la vera svolta per la band, che sarà impegnata in un susseguirsi di concerti negli Stati Uniti e in Europa, di supporto a gruppi del calibro di NOFX e Pennywise, e nel 1994 i The Offspring incidono il loro secondo album, “Smash“, sempre sotto etichetta Epitaph, raggiungendo la quota di ben 11’000 vendite e iniziando a sfornare le prime hit che consacreranno in seguito il loro sound come un fenomeno internazionale, imperversando su MTV e sfrecciando in vetta alle principali classifiche musicali. Ha inizio così l’ondata di successo che investe i cinque californiani e che si rivela assolutamente inarrestabile. Continuando la carriera tra le soddisfazioni di pubblico e critica, e delineandosi come un nuovo hype grazie al supporto dei media, nel 1997 i The Offspring passano all’etichetta Columbia Records e pubblicano il quarto album in studio, “Ixnay on the Hombre”, che include un cammeo del leader dei Dead Kennedys, Jello Biafra, e viene promosso dal L.A. Times come “Un album acuto e ricco delle più svariate influenze. Uno sforzo maturo, assolutamente intrigante e talvolta azzardato, portato avanti da una band che offre sempre qualcosa in più rispetto alla semplice musica.” Nel 1998 l’uscita di Americana porta all’apice il successo del gruppo, che con singoli accattivanti e carichi di carisma come The Kids Aren’t Alright, Why Don’t You Get a Job? e Pretty Fly (for a White Guy) conferma le sue straordinarie capacità e attira uno stuolo ancora maggiore di fan da tutto il mondo. A seguire l’uscita di Americana, nel 2000 è la volta di “Conspiracy of One“, scaricabile gratuitamente dalla rete già prima della messa in vendita sul mercato, “Questo disco sarebbe comunque finito su Internet, che lo volessimo o meno.”, commenta Holland a riguardo, “Quindi abbiamo pensato: perchè non farlo da soli? Non dobbiamo temere la rete, è un modo davvero ingegnoso di raggiungere tutti i nostri fan.” Preceduto da un tour europeo, da una serie di date negli Stati Uniti e dall’ingresso nella band del nuovo batterista Atom Willard, nel 2003 viene rilasciato Splinter, settima fatica discografica dei The Offspring, inizialmente concepito col titolo ironico di “Chinese Democracy” allo scopo di schernire Axl Rose, che aveva annunciato lo stesso titolo per il lavoro di prossima pubblicazione dei suoi Guns’N’Roses. Composto di 97 show, lo Splinter World Tour tocca tutti i cinque continenti, dall’America all’Africa, proclamandosi un eccezionale trionfo per la band, celebrato da Dexter Holland con un giro del mondo in nove giorni in veste di pilota aereo. Nel 2008, a un anno dall’ingresso nel gruppo del batterista Pete Parada, i The Offspring rilasciano il loro nuovo lavoro, “Rise and Fall, Rage and Grace“, caratterizzato da sonorità che sembrano virare verso il pop, producendo reazioni contrastanti da parte della critica. “Ora facciamo musica perchè ci piace. Non lo facciamo più per denaro, ma solo perchè siamo amici e ci piace suonare.”, questo il commento rilasciato da Dexter Holland in un’intervista, “Non sto provando a essere il ragazzo più figo del mondo, sto cercando di scrivere canzoni che significhino qualcosa per la gente. Quando diventi famoso a volte perdi una base di fan e ne guadagni un’altra.” E i fan certo non mancano, così come i nuovi, ulteriori traguardi che conducono all’ennesimo tour lungo Giappone, sud America ed Europa dell’est. A distanza di 25 anni dalla formazione, carichi di un’inossidabile energia e di un bagaglio di melodie graffianti e ritmi serrati, i The Offspring continuano a calcare le scene dei palchi più prestigiosi di tutto il mondo, in attesa della pubblicazione del nuovo album, prevista per il 2012, e anticipata sulla rete da alcune comunicazioni direttamente dalla band: pare infatti che il disco, di prossima uscita, sarà il migliore pubblicato dalla band – parola di Dexter Holland – e che conterrà 12/13 tracce inedite tra le quali “You Will Find A Way”  che il gruppo ha già avuto modo di presentare live al proprio pubblico!

    The Offspring.jpeg