Lacuna Coil

    Il goth metal italiano alla conquista del mondo, grazie a due cose: il mix tra classico e sperimentazione e il fascino animale di una tigre del palcoscenico. Il gruppo si forma a Milano nel gennaio 1994 con il nome Sleep Of Right, dietro cui si nascondono Andrea Ferro (voce) e Marco Zelati (basso). Li accomuna la passione per il goth metal, un’anomalia nel panorama musicale italiano, che da sempre predilige il power metal. Il bilancio: qualche concerto, qualche demo, fino a un’incisione con un’etichetta indipendente nel maggio 1995. Poco dopo in formazione entrano Cristina Scabbia alla voce, Claudio Leo alla chitarra e Leonardo Forti alla batteria e il moniker diventa Ethereal. La band incide un demo (“Promo Tape ’96”) che incanta i critici e soprattutto Waldemar Sorychta della casa tedesca Century Media, una delle più importanti del settore, che li mette sotto contratto. In realtà il loro sound è ricco di miriadi di sfumature che lo rendono a tratti inclassificabile nel campo del metallo gotico. I produttori della label lavorano a perfezionare il potenziale della lineup e a virarlo verso le sonorità emozionali del gothic/ambient: ne esce un nuovo nome, Lacuna Coil, ovvero Spirale Vuota, a significare le diverse venature sonore del liquido musicale in cui naviga la band. Non c’è niente da fare, i milanesi hanno proprio i numeri giusti, visto che anche i 28 minuti dell’EP omonimo inciso a fine ’97 ricevono recensioni entusiaste e varcano i confini italiani, ottenendo buoni risultati in tutta Europa e negli Stati Uniti. Non ci credete? Terrorizer Magazine li definisce “superbi”. A dicembre del 1997 i Lacuna Coil fanno da supporter al tour dei Moonspell. La primavera successiva girano il Vecchio Continente con i Gathering, lavorando contemporaneamente al primo CD, che i già numerosi fan attendono con ansia: il duo vocale Ferro-Scabbia fa in fretta a diventare cult. “In A Reverie” esce nel febbraio 1999, dopo aver ritoccato la formazione con l’innesto di Cristiano Migliore alla chitarra e Cristiano Mozzati alla batteria al posto di Leo e Forti. Le attese vengono confermate: il disco rivela una personalità musicale molto decisa, grazie a un approccio più diretto e ben coordinato dalla produzione. Potenza e malinconia sono il marchio di fabbrica dei Lacuna Coil, grazie ai ritmi ipnotici e alla magica intesa tra le voci (in inglese) di Andrea (il cui cantato a volte sconfina nel growling) e Cristina (che assurge in breve a sex symbol del pubblico metallaro). I paragoni si sprecano: assomigliano ai Gathering? Ai Theater Of Tragedy? Ai Paradise Lost con voce di donna? Di sicuro i cinque milanesi si disinteressano dei virtuosismi della stampa, ma sanno quello che fanno e lo fanno bene: melodia, esoterismo e metallo. Segue un’estate trionfale nei più importanti festival internazionali (tra cui Dynamo in Olanda, Metal Mania in Francia e Gods Of Metal in Italia) e nelle date del loro tour, che li vede suonare anche insieme a Skyclad, Samael, Lacrimosa e Grip Inc.. Nel 2000 la band incorpora un nuovo chitarrista, Marco Biazzi, e torna in studio per un nuovo EP, “Half Life”, che include per la prima volta un brano cantato in italiano (“Senza Fine”). È solo il preludio al secondo album, che vede la luce all’inizio del 2001 e ha per titolo “Unleashed Memories”. Prodotto sempre dalla Century Media negli Woodhouse Studios di Hagen (Germania), il lavoro del sestetto fa centro un’altra volta presso il pubblico goth, e li porta a diffondere il verbo dal vivo anche in Canada, Messico e Stati Uniti. In Europa la band si esibisce con altri gruppi di grido come In Flames, Dimmu Borgir, Moonspell e Tiamat; da Milano all’Astoria di Londra, un bel salto! Di nuovo al lavoro, senza sosta: a settembre 2002 è pronto il terzo disco, “Comalies”. La fama dei Lacuna Coil ha assunto un respiro internazionale, dimostrata dalla copertina su Kerrang! e da ottime recensioni su tutti i music-magazine più prestigiosi (tra cui Billboard Magazine e Alternative Press). Ancora una volta i Lacuna giocano al meglio con armonie tripartite, melodie seduttive che non ti escono dalla testa e l’effetto magico delle due voci, due principi opposti che si fondono in un’intesa come lo ying e lo yang. È un mix intossicante che sfonda definitivamente negli USA, tanto che tra aprile e giugno 2003 i Lacuna Coil riattraversano l’oceano per 13 date insieme ad altre band della Century Media. Senza trascurare le piazze italiane: l’Heineken Jammin’ Festival è la definitiva consacrazione per un gruppo che ha ancora molto da dare. Sirene, fantasmi, nebbie e riff strazianti: il sogno epico e ipnotico dei Lacuna Coil prosegue senza sosta, tanto che fra un live e l’altro riescono a battezzare la ristampa di tutto il materiale antecedente “Comalies” (i due album e i due EP escono nel corso del 2005). Il 2006 comincia all’insegna di Cristina Scabbia, nominata da Kerrang! e Terrorizer “la donna più sexy del rock mondiale”, e prosegue con il tradizionale lavorio di lancio del nuovo disco, “Karmacode” (marzo 2006). Con una marcia in più, però: il singolo “Our Truth” entra nella colonna sonora del film “Underworld: Evolution”, spianando la strada all’album e alle successive date dal vivo (che portano la band da una parte all’altra dell’Oceano Atlantico). Nel 2009 la band pubblica il disco “Shallow Life”, seguito nel 2012 da “Dark Adrenaline”.

    Lacuna Coil.jpeg